Calendario

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 54

Editoriali

26 ottobre 2007: nella cattedrale di Linz, Germania, viene beatificato Franz Jägerstätter, ucciso nel 43 dopo aver rifiutato di militare nell’esercito nazista. La figura del martire invita a una riflessione circa le diverse posizioni sull’obiezione di coscienza, e sulla delegittimazione delle guerre “ingiuste”. Ma esistono guerre “giuste”?
Ad un mese dalla scomparsa di don Oreste Benzi, il saluto dei caschi bianchi che l’hanno incontrato nei colloqui individuali, nelle favelas dell’America Latina, o ai tavoli dei ministri, svolgendo il servizio civile all’estero nell’associazione Comunità Papa Giovanni XXIII.
“Gli uomini hanno sempre organizzato la guerra. È venuta l’ora di organizzare la pace!” L’insegnamento che don Oreste ha lasciato con la sua vita trova fondamento nel suo essere profondamente nonviolento e antimilitarista, perché vivere a fianco degli ultimi non basta, bisogna combattere le strutture che creano l’ingiustizia.
Una riflessione sul presente a partire dal passato: la visita ai campi di sterminio nazisti è occasione per guardare con consapevolezza e lucidità al mondo attuale. Un’occasione simile a quella di tanti giovani in servizio civile all’estero.
Pubblichiamo il resoconto dell'azione di digiuno per una finanziaria di pace del presidente del Gavci, p. Angelo Cavagna.
Pagina 1 di 3