Calendario

Gennaio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Europa

"Quando si parla dei paesi della ex Jugoslavia la confusione storico-politica fa da padrona, la narrativa prevalente, e molto sommaria, è che dopo la morte di Tito sono emersi una serie di sanguinosi conflitti. Si parla spesso di “pulizia etnica”, senza nemmeno spiegare quali etnie vivessero in quei luoghi". Le riflessioni di Desirée, che sta svolgendo il suo servizio civile presso un centro diurno, un centro di ascolto e l'ufficio di Caritas Serbia a Sabac.
"Come Caschi Bianchi in servizio civile che si occupano di diritto alla pace presso l’ufficio di rappresentanza Apg23 all’ONU a Ginevra, partecipare, sostenere e promuovere questo progetto è per noi espressione massima del senso del servizio civile". La conferenza stampa e la proposta per l'Istituzione del Ministero della Pace raccontata da Manuela e Serena.
Moussa viene dal Senegal, ha 22 anni, ed è arrivato in Italia nel 2014. Dopo poco meno di due anni riesce ad ottenere il suo permesso di soggiorno e grazie all’incontro con i volontari Caschi Bianchi in formazione, decide di fare domanda per un progetto di servizio civile in Francia, a Lourdes.
Dopo un anno di servizio civile all'estero, abbiamo chiesto a Giulia cosa si porta con sé e cosa lascia in Albania.
Una mostra fotografica che racchiude storie ed esperienze dei Caschi Bianchi sparsi per il mondo, a Batumi, in Georgia. Ce la racconta Arianna
Riflessioni sull’incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri e i volontari del Servizio Civile.
Territorio indipendente, rivendicato dalla Georgia, dove però vigono il fuso orario ed il rublo russi. Quella dell'Abcasia è una storia contemporanea di conflitto e divisione, ma questo non ha tolto ai suoi abitanti la possibilità di valorizzare le proprie bellezze paesaggistiche e culturali, ce le racconta Arianna.
"Sì, è assurdo ai vostri occhi, ma..": l'intervista alla signora Liuba, mamma di Ania, che ci racconta le difficoltà che ha passato, e che tutt'ora in Russia esistono, per dare la possibilità di un'educazione a sua figlia e ad altri ragazzi con disabilità.
Pagina 1 di 15