Calendario

Burundi

Nella testimonianza di Lucia Pezzuto, la storia di un sabato sera ad alta tensione agli inizi di marzo nei Quartieri Nord di Bujumbura, sotto il fuoco incrociato dei ribelli e dell'esercito ufficiale.
Continua l'incontro con A., che ci guida nel mondo degli "enfants de la rue": ragazzini dediti a piccoli furti, che hanno lasciato la campagna e le loro famiglie troppo povere, un fenomeno soprattutto nelle periferie delle città più grandi.
Il conflitto armato ha incrementato il numero delle violenze, che aumentano anche all’interno delle famiglie e delle comunità. L’attitudine più diffusa è quella di incriminare la vittima, lasciar intendere che la violenza subita è sua responsabilità, e allontanarla dalla sua comunità. Una forma di oppressione a cui il sistema giudiziario non dà risposta, e davanti alla quale le donne sono senza strumenti, in particolare nelle zone rurali.
L’incontro con A. apre alla conoscenza del mondo dei bambini soldato. A. ha combattuto con i rivoluzionari dai 16 ai 21 anni, poi se n’è andato dal Paese, lasciando con fatica tutti gli affetti. Per potervi tornare, abbandonare la logica militare e recuperare l’adolescenza perduta.