Gruppi di tematiche

Antenne di Pace

Col patrocinio di

Logo Regione

Lavoro

Situazione lavorativa
21 Articoli - pagina 1 2 3
  • Cile - speciale lavoro

    Più in là del tuo naso - informazione e miniere

    La gioia per i 33 minatori sopravvissuti in Cile non può giustificare il silenzio sulle 373 vittime del lavoro in miniera negli ultimi 10 anni. I mezzi di comunicazione hanno privilegiato l’epopea del salvataggio alla realtà delle precarie misure di sicurezza che scandiscono i giorni di migliaia di lavoratori e lavoratrici cileni, in un sistema che antepone la produttività al valore della vita umana e alla giusta retribuzione. Con i minatori c'è un intero paese sepolto vivo, chiuso in tutte le contraddizioni di un sistema politico-economico fondato sulla falsa democrazia e sull'ingiustizia sociale.
    a cura dei Caschi Bianchi a Santiago del Cile.
  • Argentina

    Autonomia e sicurezza alimentare nella provincia di Misiones

    Territorio potenzialmente ricco sotto il profilo agricolo, Misiones ha bisogno però di combattere politicamente per riscoprirsi capace di garantire la sussistenza alle comunità che la abitano.
    Samuele Bibi
  • Una mattina in discarica
    Brasile

    Una mattina in discarica

    Cosa si fa per cercare di guadagnare qualcosa in più dell’insufficente salario minimo... L'esperienza di Emanuele, raccoglitore di immondizia per un mese nella discarica della città, per incontrare chi l'ha scelta “liberamente” quale quotidiano luogo di lavoro.
    Emanuele Bambara
  • “EU PROMOVEZ ROMANIA…SI TU?”
    Romania

    “EU PROMOVEZ ROMANIA…SI TU?”

    A distanza di quasi due anni dall’ingresso del Paese nell’Unione Europea i rumeni continuano a partire per raggiungere l’Europa Occidentale. La realtà sociale rumena continua a versare in un grave stato di abbandono.
    Jupanesti, piccolo villaggio della regione di Timis, noto per l’arte della lavorazione della ceramica, un sapere in “estinzione”: esempio di una Romania che non cambia.
    Marianna Ponticelli
  • Il "Tio" della mina
    Bolivia

    Il "Tio" della mina

    A Potosì, ai piedi della montagna con le vene d’argento più ricche al mondo, si parla di otto milioni di africani e indios morti, schiavi per conto degli spagnoli. Ancora oggi, gli attrezzi usati sono primitivi, e i minatori, esposti ad ogni sorta di gas e agenti chimici, in genere muoiono dopo dieci-quindici anni di lavoro. Le contromisure mediche in caso di incidenti o silicosi sono minime e la pensione prevista per gli inabili é ridicola.
    Michele Cappozzo e Alessia Vanzo
  • Il miracolo cileno (parte I)
    Cile

    Il miracolo cileno (parte I)

    I media presentano il Cile come un modello per i paesi in via di sviluppo. La prima tappa di un’indagine nel mondo delle imprese ci porta a incontrare due sindacalisti: Jaime ed Elisabeth lavorano nel call center di un’azienda spagnola, leader nel mercato cileno con 8.000 dipendenti. 20 minuti di pausa in 9 ore di lavoro sono una conquista e il diritto allo sciopero è garantito solo formalmente. Manca una forte cultura sindacale e molti si trovano a lottare da soli.
    Testo di Alessandro Lodi. Foto di Abele Gasparini.
  • Brasile

    La realtà dei lavoratori sem terra in Brasile

    Il "Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra", la più grande organizzazione contadina latinoamericana, è oggi presente in quasi tutti i 26 stati del Brasile. Nasce nel 1985 su tre obiettivi fondamentali: la lotta per la terra, la riforma agraria e un'ampia trasformazione sociale.
    Matthias Schupfer
  • Quanto costa questo bicchiere d’acqua? In visita alle case dei tagliatori di canna da zucchero
    Brasile

    Quanto costa questo bicchiere d’acqua? In visita alle case dei tagliatori di canna da zucchero

    La pastorale diocesana visita le case dei lavoratori migranti che abbandonano la famiglia per andare a tagliare la canna da zucchero nella foresta. Spesso tornano più poveri di prima perchè, analfabeti, non hanno firmato nulla. La visita offre conforto morale, spirituale, e legislativo. Katia è colpita dalla generosità della gente, che vive senza alcuna comodità e senza mezzi. Bere un bicchiere d’acqua non è un gesto banale, e il suo prezzo è scritto sul viso di Maria, Monica, Juanito e di tutte le famiglie che incontra.
    Katia Cecconi
  • Brasile

    Polizia Militare del Minas Gerais: il braccio armato del latifondo

    La Commissione Pastorale della Terra denuncia la Polizia Militare del Minas Gerais, a servizio dei latifondisti della regione e ai danni i poveri della terra. Mostra inoltre che questo tipo di azione illegale è appoggiata dai governi, aggravando le violazioni dei Diritti Umani Economici Sociali Culturali e Ambientali del popolo quilombolano. Lo Stato non soddisfa la legge che difende la proprietà dei territori ed è il grande responsabile dell’esplosione della violenza nella regione. Alcuni episodi.

    da: http://www.cptnac.com.br/?system=news&action=read&id=1872&eid=8
    Traduzione a cura di Katia Cecconi
  • Brasile

    La faccia sporca dell’energia pulita

    Visita a Guariba: il dolore di un milione di tagliatori di canna da zucchero, costretti a lasciare il nord del Brasile e la famiglia, per un lavoro da schiavi che delude ogni aspettativa di guadagno, e la sofferenza della terra sempre più sfruttata sono un prezzo alto da pagare, che spesso però non viene calcolato.
    Katia Cecconi
pagina 1 di 3 | precedente - successiva